rivista di opinione, ricerca e studi filosofici
rivista di opinione, ricerca e studi filosofici

Alessandro Zanca convince a Imola nella quarta tappa del WorldSSP300

Una grande prova di intelligenza dopo un’ottima partenza che lo ha visto lottare a ridosso della top 5

di Luca Tealdi

 

All’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola è andata in scena la quarta tappa del campionato del mondo Supersport300: Alessandro Zanca e Team #109 hanno svolto un buon lavoro, confermando ancora una volta quanto fatto vedere di positivo nei round precedenti. Il centauro diciannovenne non aveva mai corso sullo storico tracciato romagnolo con la 300, ma ha dimostrato di possedere una rapida capacità di adattamento e, sin dalle prime libere, ha piazzato la sua Ninja 400 nelle prime posizioni. Tanto che, in FP1, ‘Zanchino’ ha fatto segnare l’ottavo tempo, a soli otto decimi dalla testa. Nonostante il caldo afoso e le alte temperature, il numero diciannove ha convinto anche nel primo pomeriggio di venerdì, durante la seconda sessione di libere. Gli oltre trenta gradi non lo hanno fermato e, abbassando il suo crono di tre decimi rispetto al mattino (2’07.925), Zanca si è piazzato tredicesimo.

Il giorno seguente il programma è proseguito con qualifica e gara 1: il turno cronometrato lo ha relegato alla sesta posizione, frutto di incisività e di un ottimo lavoro svolto con la squadra, i cui risultati si sono visti anche nella prima corsa, condizionata però da due contatti con un avversario che lo hanno mandato fuori pista interrompendo la sua rimonta. Il centauro romagnolo ha così dovuto accontentarsi della tredicesima posizione, quando – dopo essere finito ventiduesimo – era tornato decimo.

Domenica, dopo un warm up in cui è scivolato nelle prime battute alle Acque Minerali, si è svolta gara 2. E’ stata una grande prova di intelligenza: dopo un’ottima partenza che lo ha visto lottare a ridosso della top 5, Zanca ha subito gli effetti di un caldo terribile e diligentemente ha adattato il suo ritmo alle condizioni del suo mezzo e del tracciato, correndo al meglio con con il pacchetto che si è trovato a disposizione. Ha preferito portare a casa qualcosa di concreto, piuttosto che prendere rischi inutili, per ringraziare chi lo aiuta e concludere al meglio un weekend ad altissime temperature. Alla fine P11: un risultato che fa bene a lui – dolorante dopo il crash nel wup – al team (che ha fatto un lavorone per rimettere a posto la moto) e anche al papà Alfredo, che lo supporta da sempre.

Il prossimo appuntamento è previsto nel fine settimana del 28 – 30 luglio a Most. E, fino ad allora, Alessandro Zanca continuerà a lavorare e impegnarsi per essere della partita. 

Stampa | Mappa del sito
© 2015 - Essere & Pensiero - Testata giornalistica online ai sensi dell'art. 3-bis del d.l. 63/2012 sull'editoria convertito in legge n. 103/2012 - Direttore Responsabile: Francesco Pungitore