società, filosofia, scienza, etica e politica
società, filosofia, scienza, etica e politica

Lumen, la libera scelta del "benessere"

L'ecovillaggio di San Pietro in Cerro, modello di sviluppo sostenibile

di Francesco Pungitore

 

Mai sentito parlare di ecovillaggi, co-abitazione, co-housing? Sono termini che si esplicano all'interno di realtà concrete, sempre più numerose anche nel nostro Paese. Parliamo, in buona sostanza, di esperienze di vita comunitaria, ovvero della libera scelta operata da piccoli gruppi di persone che decidono di vivere insieme ad altri, nella condivisione di precisi valori etici e spirituali. Spesso e volentieri, il tutto si svolge all'interno di una dimensione complessiva di ricerca che punta al “benessere”, sviluppando idee innovative sul terreno della sostenibilità ambientale, della medicina olistica, dell'autosufficienza economica. Luoghi, dunque, che sollecitano l'evoluzione, il cambiamento, la costruzione di modelli alternativi di sviluppo. Come nel caso di Lumen, ecovillaggio sorto in provincia di Piacenza nel 1992 a partire da una coppia di fondatori, Davide Maria Pirovano e Milena Simeoni. Oggi Lumen è una realtà importante e consolidata, oggetto di studio e di interesse scientifico, impegnata a crescere anche ben oltre i confini del nucleo originario di San Pietro in Cerro. Ne parla a Essere & Pensiero Chiara Perazzoli, dell'ufficio stampa di Lumen.


Leggiamo che Lumen è una comunità intenzionale. Cosa significa? Cos'è Lumen?
Il primo articolo della proposta di legge n. 3891 "Riconoscimento e disciplina delle comunità intenzionali" che giace in Parlamento dal 2010 e che avrebbe dovuto riconoscere queste realtà sociali in rapida crescita in Italia così come nel resto del mondo, recita: "Le comunità intenzionali sono aggregazioni di persone fisiche le quali condividono intenzionalmente un progetto di vita caratterizzato dalla ricerca etica e spirituale e fondato su forme di comunione dei beni, sulla collettività delle decisioni, sulla solidarietà e sul sostegno reciproco tra gli aderenti, attuato mediante forme di convivenza continuativa, anche legate a un determinato territorio o a momenti di valorizzazione degli usi civici". L'essere umano fin dagli albori della sua esistenza si è organizzato in piccole comunità, fatte di relazioni strette, mutuo aiuto e condivisione. La comunità intenzionale nasce dalla stessa esigenza di socialità e a questa aggiunge uno scopo, un'intenzione appunto, e costruisce dei valori fondanti condivisi che la guidino nella realizzazione dello scopo. Lumen nasce come comunità intenzionale nel 1992 a partire da una coppia di fondatori, Davide Maria Pirovano e Milena Simeoni, guidati dalla scelta di cambiare stile di vita. Da allora sta crescendo; ad oggi ospita 62 persone, di cui 54 residenti e 8 ospiti temporanei. I valori su cui si fonda Lumen sono maturati nel corso dei suoi quasi venticinque anni di vita e sono racchiusi nella costituenda Carta dei Valori dell'Associazione Lumen:
1. UOMO E AMBIENTE - La visione Olistica che riconosce l'uomo e l'ambiente in cui vive come un essere unico ed inscindibile. Ogni attività e ogni impegno dell'associazione è sostenuto dalla coscienza e consapevolezza di questo valore fondante.
2. CRESCITA PERSONALE - Lo sviluppo armonico dell'uomo a tutti i suoi livelli: fisico, emotivo, razionale e spirituale e in quest’ottica si promuove lo spirito collaborativo. La crescita personale è utile e fondamentale per l'insieme come la crescita dell'insieme è utile alla singola persona.
3. DIVERSITA' - Il rispetto delle diversità e la valorizzazione della bontà che può essere estrapolata da ognuna di esse. La diversità è da intendersi come opportunità di crescita personale e collettiva.
4. CONVIVENZA E SOLIDARIETA' – La convivenza serena, soddisfacente e felice, attraverso una visione ottimistica della vita che si traduce in pensiero ed azioni positive rispetto a se stessi e agli altri. Per una sana convivenza è fondamentale che gli associati abbiano il desiderio di coltivare sane e profonde relazioni e che la comunità si occupi in particolar di quelle persone che hanno maggiori difficoltà, legate alle condizioni di salute, culturali, economiche e sociali.
5. SALUTE - La salute personale e dell'insieme, attraverso le discipline olistiche provenienti dal mondo della Naturopatia e delle Medicine Tradizionali.
6. STILE DI VITA - Stili di vita sani attraverso alimentazione, attività fisica e sane relazioni, nel rispetto della fisiologia umana e dell'ambiente del quale siamo parte.
7. IMPATTO ZERO - L'eco-sostenibilità, impatto zero e valorizzazione del territorio, attraverso il contenimento dei consumi, una corretta allocazione delle risorse naturali e l’utilizzo di energia generata da fonti rinnovabili.
8. AUTOSUFFICIENZA – L'autosufficienza e l'autogestione in tutti i campi attraverso lo sviluppo di attività produttive etiche ed eco-sostenibili.
9. RICERCA E FORMAZIONE - Ricerca e formazione intesi come stimoli alla crescita personale e dell'insieme, nell'ambito delle attività istituzionali, promuovendo il valore della conoscenza e la cultura del fare.
10. CONDIVISIONE - Il valore dell'utilizzo condiviso di beni e risorse rispetto al concetto di proprietà privata.
11. ECONOMIA SOLIDALE – Un modello economico armonico in cui convivano solidarietà, reciprocità e mercato.
12. COLTIVARE IL FUTURO - l'educazione delle nuove generazioni, la trasmissione dei propri valori fondanti e il loro ulteriore sviluppo, al fine di sostenere un sano modello di società utile all'evoluzione dell'uomo e del pianeta. Oltre che modello di convivenza sana e sostenibile, Lumen è anche una realtà economica che dà lavoro a circa l'80% degli occupati residenti, 11 assunti nella cooperativa di lavoro Vis Naturae e 9 assunti nell'associazione Lumen. Una realtà lavorativa innovativa, dinamica e attenta alle esigenze di conciliazione vita e lavoro: i contratti di lavoro part-time consentono ai residenti, sia uomini che donne, di curare le relazioni familiari e comunitarie, così come le attività di cura dell'ecovillaggio. Il tutto funziona grazie al grande impegno volontaristico dei soci, residenti e non; nel 2014 le ore di volontariato profuse per l’ecovillaggio e l’associazione sono state più di 25.000.

 

Tra i vostri principi ispiratori c'è l'idea della costruzione di una società sostenibile attraverso la divulgazione di principi e pratiche per una vita sana. Come agite per realizzare questo obiettivo?
Lumen promuove la medicina naturale, lo sviluppo del potenziale umano, l'educazione responsabile dei figli, la cucina naturale e le energie rinnovabili, perché crede nella costruzione di una società sostenibile attraverso la divulgazione di principi e pratiche per una vita sana; questo permette il miglioramento della qualità di vita di chi la sostiene, rendendolo parte attiva in questo processo di cambiamento. Con 21 anni di esperienza nella formazione e informazione per il miglioramento della qualità della vita, oggi Lumen è una realtà a carattere nazionale che propone formazione di alto livello declinata in:
- Scuola di Naturopatia Olistica
- Scuola di Cucina Naturale
- Wellness Academy
Lumen, in linea con il recente documento Benchmarks for Training in Naturopathy (1) (Standard per la formazione in Medicina tradizionale / Complementare e Alternativa: Naturopatia), redatto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2010, considera la Naturopatia una summa di filosofie, principi, scienze e tecniche poste alla base dei tradizionali sistemi di cura che pongono al centro della loro osservazione la salute anziché la malattia, l’uomo anziché il sintomo, l’insieme anziché un frammento dello stesso. La Naturopatia riconosce il valore terapeutico della “forza vitale” insita nelle diverse manifestazioni della Natura, ivi compreso l’uomo, descritta dalla Medicina Ippocratica con l’espressione Vis Medicatrix Naturae, dalla Medicina Cinese come Qi (2) e dalla Medicina Ayurvedica come Prana (3). La Naturopatia, radice comune dei diversi rami della Medicina Naturale (4), propone una responsabilizzazione alla salute attraverso criteri salutistici atti a stimolare “il vitalismo” (5) e il recupero dell’equilibrio omeostatico, tenendo in considerazione le molteplici influenze che lo condizionano e la specificità di ogni singolo individuo. Ne scaturisce, quindi, una visione secondo la quale, pur rimanendo fondamentale concentrarsi sulla promozione della salute nel quadro dei comuni regimi di assistenza sanitaria, si configura, tuttavia, come essenziale sovrintendere e sostenere gli innati processi di auto-guarigione attraverso un’attività formativa, personale e professionale atta a sviluppare maggiore attenzione alla salute, ad implementare sani stili di vita e a introdurre protocolli operativi personalizzati, concrete espressioni dell’intervento olistico. Il seguente elenco, sebbene non sia esaustivo, mostra le modalità più comunemente usate nella pratica naturopatica (6): 
- counseling 
- omeopatia 
- terapie fisiche
- fitoterapia
- idroterapia 
- manipolazione naturopatica 
- nutrizione 
Oggi le Medicine naturali, con le loro peculiarità preventive e terapeutiche, hanno riconquistato il proprio antico ruolo di strumento per la salute e per il benessere. In questo ultimo decennio tale settore ha vissuto un esponenziale sviluppo formativo e professionale interconnesso con la crescente domanda di una medicina “più umana”, capace di considerare l’individuo come un’unità inscindibile. Per meglio intendere i principi fondanti di questa visione, elenchiamo i punti che sono alla base della Naturopatia (7): 
- "primo, non nuocere" 
- agire in collaborazione con il potere curativo della natura 
- ricercare, individuare e trattare la causa fondamentale della malattia 
- trattare l'intera persona usando un approccio individualizzato 
- insegnare i principi di un sano stile di vita e della prevenzione sanitaria
Le nuove figure professionali (Naturopati, Osteopati, Iridologi, ecc.), insieme ai professionisti sanitari, sono sempre più alla ricerca di percorsi formativi studiati per offrire un servizio innovativo in sintonia con le ultime direttive Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Come previsto dalle linee Oms 2010, il piano studi Lumen distingue due tipi di percorsi naturopatici, in funzione della formazione precedentemente acquisita e dell’esperienza clinica dello studente:
TIPO 1: rivolto a coloro che non hanno acquisito una formazione medica o una preparazione professionale specifica nel settore della salute; è attivato in tutte le sedi Lumen.
TIPO 2: rivolto a coloro che hanno una formazione medica o una preparazione professionale specifica nel settore della salute; è attivato presso la sede di Milano.
Dopo anni di esperienza nel settore, Lumen presenta un piano di studi ideale per chi desidera approfondire e arricchire la propria professione o modificare il proprio stile di vita. È possibile frequentare la Scuola di Cucina Naturale iscrivendosi ai singoli laboratori e ottenendo il relativo attestato di partecipazione o frequentare percorsi completi studiati appositamente per approfondire l’arte della cucina sana e dei principi che la sostengono. La Scuola di Cucina Naturale è uno dei progetti formativi di Lumen, Associazione per la Medicina Naturale, che si affianca ai corsi di formazione per Naturopati e Operatori del Benessere. Rappresenta il frutto dei laboratori pratici proposti da più di 20 anni e delle importanti collaborazioni svolte in tale periodo. Il naturale frutto dell’attività ventennale di Lumen nel settore benessere è Wellness Academy, una proposta completa nell’arte del massaggio e delle tecniche manuali. La formazione è rivolta a estetiste, operatori bio-naturali e a coloro che intendono sviluppare talenti, quali ascolto, contatto, empatia e integrarli efficacemente nella propria vita. Corpo docenti altamente qualificato e costantemente aggiornato, connubio tra lezioni frontali ed esercitazioni pratiche, metodologia didattica innovativa volta al reale coinvolgimento dei partecipanti rendono Wellness Academy la risposta adeguata per chi cerca e per chi offre benessere. L’accademia, affiancandosi alla Scuola di Naturopatia Olistica e alla Scuola di Cucina Naturale, arricchisce l’offerta formativa proposta da Lumen. Oltre a questi tre grandi contenitori formativi, Lumen continua la sua opera di divulgazione attraverso conferenze e convegni professionali per qualità di contenuti ed esperienza dei relatori e sono così suddivisi:
- Info Salute Naturale
Nell’ambito delle attività informative Lumen ha collaborato con numerosi enti pubblici e realtà private organizzando conferenze, laboratori, seminari pratici trattando temi come salute naturale, benessere, pensiero positivo e cucina sana e fornendo informazioni chiare e approfondite.
- Sani in un Mondo Sano
Dal 2007, nella sede di San Pietro in Cerro, vengono offerte al socio occasioni esclusive e gratuite per informarsi ed aggiornarsi. Il ciclo di convegni “Sani in un mondo sano”, a caduta mensile, è caratterizzato dall’avvicendamento di più voci, quella di naturopati di grande esperienza e quella di professionisti sanitari di prestigio, creando una stretta sinergia tra medicina naturale e medicina allopatica.
- Sinergie tra Medicina Allopatica e Medicina Naturale 
Il progetto nasce nel 2008 e negli anni ha interessato diverse strutture ospedaliere pubbliche e private, nell’organizzazione di eventi formativi, collaborazioni e studi che abbiamo come primario interesse l’approccio sinergico tra le due medicine. I convegni accreditati Ecm in cui dialogano i professionisti delle due medicine sono stati caratterizzati dalla partecipazione di professionisti fortemente interessati a conoscere le Medicine Non Convenzionali. Le lezioni magistrali presso strutture ospedaliere, pubbliche e private, hanno lo scopo di sensibilizzare l’organico sanitario alla cultura delle Medicine Non Convenzionali. In 21 anni di attività formative e informative volte al miglioramento della qualità della vita, Lumen ha raggiunto più di 23'000 interessati su tutto il territorio nazionale; di questi, quasi 5'000 persone sono diventate soci di Lumen (21%) e, per almeno un anno, hanno partecipato ad un percorso formativo e/o rieducativo a carattere preventivo.

L'ecovillaggio è aperto ai visitatori? Realizzate iniziative per ampliare la base dei residenti o per creare modelli analoghi in altri contesti?
L'ecovillaggio è aperto ai visitatori interessati a comprendere in cosa consiste l'esperienza dell'ecovillaggio. Sul sito internet è da poco attivo un blog che affronta questo tema: http:\\www.naturopatia.org\blog\ecovillaggio. Vengono periodicamente realizzate occasioni di conoscenza, per dare informazioni e rispondere alle mille domande che sorgono di fronte a questa scelta di vita. Negli anni è stato costruito anche un vero e proprio percorso di avvicinamento, per le persone intenzionate a sperimentare questo stile di vita e a trasferirsi all'interno dell'ecovillaggio: il percorso alterna momenti formativi a esperienze pratiche all'interno della vita comunitaria. A breve verrà fondato un secondo ecovillaggio nelle colline del Mugello, a San Cresci, all'interno del grande progetto “Centro San Cresci” che prevede la riabitazione di una tenuta agricola di oltre 600 ettari abbandonata da venticinque anni. L'ampio interesse che sta sollevando questo progetto testimonia l'urgenza e la necessità di replicare modelli comunitari sostenibili, come alternativa possibile all'attuale modello di sviluppo economico e di vita.


La sana alimentazione è uno dei cardini di Lumen ci sembra di capire, insieme ai metodi naturali di cura. E' così e in che senso parliamo di sana alimentazione?
Lumen dal 1992 è impegnata attivamente nella divulgazione di sani stili di vita che, dal piccolo al grande, siano portatori di salute e di armonia, di quello stato che ognuno di noi desidera profondamente e che troppo spesso dimentica di coltivare. Lumen insegna che la salute è il risultato della somma di scelte quotidiane e quanto mangiamo rappresenta uno dei modi più semplici e accessibili per migliorare la qualità della nostra vita. In questo senso Lumen da quasi venticinque anni sperimenta, oltre ad un modo nuovo di vivere, anche un modo sano di alimentarsi. Cereali integrali, legumi, verdura, frutta, farine fresche: le materie prime sono prevalentemente biologiche o biodinamiche, il più possibile in sintonia con la stagione e con il luogo. Lo stile alimentare proposto sin dagli inizi dall’associazione, delineato sulla base di esperienze e conoscenze acquisite nel tempo, deriva dalla complementarietà di diverse correnti di pensiero: prevalentemente vegano, a carattere mediterraneo e macrobiotico. Studi, pubblicazioni scientifiche e linee guida di alcuni importanti istituzioni di rilievo internazionale (Oms, Wcrf-World Cancer Research Fund, Aha - American Heart Association, Ada American Diabetes Association) hanno comprovato il valore dell’alimentazione e dell’attività motoria sulla salute, avvallando indirettamente le scelte fatte inizialmente da Lumen. In particolare, il Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro (Wcrf) ha pubblicato nel 2007 un documento nel quale espone comportamenti utili al mantenimento dello stato di salute e alla prevenzione dei tumori, poi confermato nel 2010 da il Codice europeo contro il cancro e proprio in questi giorni ribadito dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), parte dell'Oms, l'Organizzazione mondiale della Sanità. I punti citati nel decalogo del Wcrf rispecchiano in toto lo stile di vita, alimentare e motorio, che Lumen porta avanti e divulga da oltre venti anni.  
1. Mantenersi snelli per tutta la vita;
2. praticare quotidianamente esercizio fisico;
3. limitare cibi ad alta densità calorica ed evitare bevande zuccherate;
4. basare l’alimentazione quotidiana prevalentemente su cibi di provenienza vegetale con un’ampia varietà di cereali non raffinati, legumi, verdure e frutta;
5. limitare in consumo di carni rosse ed evitare il consumo di carni conservate;
6. limitare il consumo di bevande alcoliche;
7. limitare il consumo di sale e cibi conservati sotto sale, ed evitare cereali e legumi 
conservati in ambienti umidi;
8. assumere i nutrienti necessari dai cibi, non da integratori;
9. allattare al seno per almeno 6 mesi;
10. non fumare.
Dal 2010 Lumen, Associazione di San Pietro in Cerro, collabora con il Dipartimento di Medicina Predittiva e Preventiva della Fondazione Ircss dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano nello studio Diana 5 per indagare la relazione tra cancro della mammella, alimentazione e stile di vita con l’obiettivo di ridurre l’insorgenza delle recidive del cancro al seno. Lumen è il centro di riferimento per tutte le donne operate al seno che lavorano o vivono a Piacenza, Lodi, Cremona, Parma e Reggio Emilia.


Quali sono state le principali difficoltà incontrate negli anni?
La difficoltà iniziale di sussistenza, un contesto agricolo culturalmente poco accogliente alle novità, un’economia a sostegno di un gruppo sempre più numeroso, processi decisionali da implementare, la gestione di un’educazione parentale condivisa, queste le principali difficoltà che ha incontrato l'ecovillaggio… tutto ciò che si riferisce a un contenitore più specificamente materiale, nei 25 anni di Lumen, si è sempre rivelato fonte di insegnamento, di possibile ottimizzazione e di attivazione verso la ricerca di soluzioni ogni volta migliorative. Ciò che rimane il punto cardine di una comunità intenzionale rimane invece la crescita individuale e la preziosa consapevolezza che come nel corpo ogni singolo organo lavora per la salvaguardia dell’insieme, in una comunità ogni individuo necessita di imparare a comprendere che l’interesse dell’individuo corrisponde all’interesse dell’insieme e che solo ciò che produce beneficio all’insieme è in grado di produrlo al singolo. La vita comunitaria comporta l’attenzione nei confronti dei “bisogni” dell’insieme e la disponibilità ad adattarsi alle differenti situazioni come attitudini che favoriscono l’armonia e la crescita della comunità. Mentre il modello che ci spinge alla costruzione di una società solo formale spopola ed è pubblicizzato incoscientemente dai media, nell’ultimo ventennio sono sorte realtà che sperimentano modelli di vita che pongono al centro dell’esistenza le relazioni, la solidarietà e il sostegno reciproco. L'esperienza ha reso poi evidente che, se si sviluppa accoglienza e comprensione per ciò che accade, dai contrasti con l'esterno e dai conflitti interni, volendo, si possono estrapolare nascono gemme preziose, profonde esperienze che consentono di riconoscersi in ciò che accade, elementi indispensabili per migliorare se stessi e imparare realmente a vivere con e tra gli altri.


E adesso, quali obiettivi per il futuro?
L'obiettivo a medio termine che stiamo perseguendo è quello di rafforzare il legame con il territorio piacentino, con le istituzioni locali, portando il proprio contributo all'elaborazione delle politiche locali in tema di salute, di convivenza sociale e di sviluppo sostenibile; mentre nel lungo termine stiamo lavorando al rafforzamento di una rete nazionale e internazionale di realtà simili alla nostra, che possano influenzare decisioni strategiche su un piano più ampio e diffuso, interloquendo con apparati governativi e organismi internazionali ingaggiati sui temi della salute, della sostenibilità e della solidarietà umana. Tale rete di ecovillaggi e comunità intenzionali si realizza in Italia attraverso il Rive (Rete Italiana Villaggi Ecologici) e a livello mondiale con il Gen (Global Ecovillagge Network), presente in tutti i 5 continenti del nostro pianeta. Altro obiettivo a medio-lungo termine è quello di replicare il modello comunitario attuale in un contesto più naturale, come è quello della tenuta di San Cresci, sperimentando maggiormente le possibilità di autosufficienza alimentare ed energetica che una piccola comunità può sviluppare conciliando le antiche conoscenze con le recenti tecnologie.


NOTE
(1) Benchmarks for Training in Traditional / Complementary and Alternative Medicine: Benchmarks for training in Naturopathy, Geneva, World Health Organization, 2010. 
http://www.who.int/medicines/areas/traditional/BenchmarksforTraininginNaturopathy.pdf
(2) Qi, l’energia da cui tutto origina, principio fondamentale dell’universo che condensato genera materia, rarefatto energia, si manifesta attraverso movimento e trasformazione.
(3) Prana è il soffio invisibile che unisce tutti gli esseri viventi e che dà loro vita. Il Prana è l'energia indifferenziata che pervade e anima tutto il creato e che si manifesta in ogni luogo ed in ogni momento in forme sempre differenti.
(4) Definita altresì come Alternativa o Non Convenzionale.
(5) Pur con radici antiche, il vitalismo si è sviluppato come sistema teorico tra la metà del Settecento e la metà dell'Ottocento ad opera del prof. G. Stahl. Tale corrente di pensiero affermava che la vita e il suo svolgersi erano espressione del flusso vitale, dal cui accentuarsi o affievolirsi dipendevano le malattie.
(6) Benchmarks for Training in Naturopaty, p. 17.
(7) Ibidem

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2015 - Essere & Pensiero - Testata giornalistica online ai sensi dell'art. 3-bis del d.l. 63/2012 sull'editoria convertito in legge n. 103/2012 - Direttore Responsabile: Francesco Pungitore