società, filosofia, scienza, etica e politica
società, filosofia, scienza, etica e politica

Il Ponte che mai si farà è già costato 300 milioni di euro

Per Calabria e Sicilia servirebbe ben altro...

REGGIO CALABRIA - Dal 1981 a oggi pare sia già costato oltre 300 milioni di euro. Per la precisione: 325 milioni 750 mila 660 euro e 19 centesimi. Ma del Ponte sullo Stretto non c'è traccia, se non nelle fantasie dei politici che, di tanto in tanto, rispolverano il progetto nel vano tentativo di riprendere quota nei sondaggi di gradimento. C'è cascato, ultimo in ordine di tempo, anche Matteo Renzi. Si dice che sia colpa del referendum costituzionale: al Sud la campagna del “Sì” arranca. Ed ecco, allora, spuntare dal cilindro del premier l'idea “originalissima” del ponte tra Reggio e Messina. Per le due regioni in questione, in verità, sono tutti convinti che ci vorrebbe ben altro. Mancano le strade, le ferrovie, i servizi essenziali. Altro che Ponte sullo Stretto, insomma. Ma, si sa, in Italia basta poco per infiammare gli animi. Anche se l'opera non si farà mai, per adesso è tornata al centro del dibattito politico. Secondo il piano economico approvato il 29 luglio 2011 dal consiglio d’amministrazione della Stretto di Messina Spa (società oggi in liquidazione), il costo complessivo del progetto sarebbe di 8,5 miliardi di euro. Si prevede una struttura lunga 3.666 metri (3.300 metri la campata centrale), alta 382,60 metri (le torri di sostegno) e larga 60,4 metri (larghezza dell’impalcato) con 5.300 metri di cavi, formati da 44.352 fili d’acciaio a sorreggere 6 corsie stradali, 3 per ciascun senso di marcia, per una portata teorica di 6.000 veicoli/ora. Numeri, dati e cifre che non cambiano di una virgola la realtà dei fatti. Si tratta solo di una ipotesi su carta, ottima come benzina da gettare sul fuoco del confronto referendario. Ma del tutto inutile ai fini della risoluzione della Questione Meridionale. Vecchia o nuova che sia. (f. p.)

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2015 - Essere & Pensiero - Testata giornalistica online ai sensi dell'art. 3-bis del d.l. 63/2012 sull'editoria convertito in legge n. 103/2012 - Direttore Responsabile: Francesco Pungitore